Come aumentare il valore del tuo brand in 6 mosse

Se hai deciso di leggere questo articolo è perché sei proprietario o lavori per un’impresa/attività che ha un grande potenziale, ma non lo sviluppa a pieno oppure hai in mente di costruire qualcosa di grande e partire subito con il piede giusto.

Troppo spesso, a furia di fare sempre le stesse azioni ogni giorno, ci sfuggono gli obiettivi e la ragione per cui stiamo compiendo determinate azioni piuttosto che altre.

Ci si dimentica quali sono i valori base della relazione e dell’emozione ed eseguiamo compiti quasi come automi.

Ora, fermati un attimo. Rifletti.

Se ti chiedessimo di descrivere cosa differenzia il tuo brand da un tuo competitor cosa diresti?

Sei proprio sicuro che le caratteristiche che ti sono balenate nella mente non siano esattamente uguali a quelle della concorrenza?

Il brand è l’arte della relazione: è fondamentale gestire sempre al meglio le relazioni con i propri clienti.

Il tuo brand per poter decollare e atterrare in modo strategico deve trasformarsi in una piattaforma stabile e solida ed essere costruito su 4 pilastri principali:

    • Differenziazione (per esempio Louboutin, produce scarpe come migliaia di altre aziende; la sua peculiarità, che lo contraddistingue in un mare di scarpe, è la inconfondibile suola rossa che nessuno ha). Se sei in grado di modificare la User Experience dei tuoi clienti, sarebbe la chiave migliore per far fare un’esperienza diversa dai tuoi competitor.
    • Produzione – Crea contenuti interessanti, strategici e pensati per il tuo target di riferimento
    • Estrazione – Grazie alle ricerche di mercato ed interviste puoi estrapolare dati interessanti che possano indicarti un cammino sicuro e da seguire durante la fase di creazione della strategia
    • Relazione – Utilizza tutti i canali di comunicazione in tuo possesso. Se oggi non usi i social media o li usi male, automaticamente svaluti il tuo brand già in partenza.

USP, cosa ti differenzia? Come dicevamo prima, bisogna porsi delle domande.

Gli elementi che potevano essere differenzianti per te, anni fa, oggi potrebbero non esserlo più.

Le mode cambiano, la cultura e le generazioni si modificano ed è importante rimanere al passo con i tempi e non fossilizzarsi su certezze paleolitiche.

Grazie ai nostri modelli proprietari possiamo aiutarti nell’individuare i tuoi POD (Point of difference) punti di diversità, rispetto alla concorrenza. Tramite il Brand Check-Up valutiamo lo stato di salute del tuo brand e ne identifichiamo i punti di forza e di debolezza, attraverso i modelli BREMA e PEERS costruiamo una strategia di marketing mirata su misura al tuo business.

I contenuti che andremo poi a creare diventeranno il TOP difference per la tua azienda. Inoltre, è necessario identificare anche la tua Customer Value Proposition ovvero la ragione massima per cui i tuoi clienti debbano acquistare i tuoi prodotti/servizi correlati ai tuoi valori aziendali rispetto a quelli della concorrenza.

Il potere dei dati

Le persone, erroneamente, sono ancora abituate a pensare ai dati come se fossero dei numeri; in realtà sono informazioni preziose, comportamenti, interessi.

Ognuno di noi è un creatore ed un grande contenitore di dati, ecco perché è necessario averne il più possibile, anche per identificare in che stadio di customer joruney si trova il nostro cliente per potergli offrire servizi e prodotti mirati.

Dati utili per la strategia sono:

  1. Genere: maschile, femminile, altro
  2. Contatto: mail, numero di telefono
  3. Professione: che lavoro fa il tuo utente? Così identifichi il customer journey – brand moment
  4. Composizione familiare: il tuo utente non è il tuo solo cliente (cani, gatti?)
  5. Abitudini di consumo: non solo di prodotti simili al tuo ma anche di prodotti correlati
  6. Preoccupazioni, paure e necessità
  7. Modalità d’uso delle piattaforme di comunicazione (navigazione, social)
    Devi iniziare a vedere la tua attività come un gioco: l’utente è il personaggio principale e tutte le persone che gli ruotano attorno sono altri potenziali giocatori. Non dimenticare, inoltre, il tuo team perché fare branding significa anche coinvolgere tutti gli attori della tua azienda e renderli partecipi nella fase di strategia e di applicazione di quest’ultima.

In conclusione, con il nostro aiuto, andremo insieme a:

  1. Fotografare lo stato dell’arte del tuo brand e del modello di business (Brand Check-Up)
  2. Definire gli obiettivi primari
  3. Raccogliere i dati e le informazioni in possesso dell’azienda
  4. Identificare i dati mancanti e utili per definire la strategia
  5. Applicare i nostri modelli proprietari (BREMA e PEERS)
  6. Progettare la strategia di marketing mirata per il tuo business

Sei pronto per partire? Sarà un investimento utile che ti farà vincere!

Contattaci per una consulenza, noi sappiamo come fare!