Strategia SEO, come orientare ed emergere

By 3 Giugno 2020

La strategia SEO applicata a un sito web, favorisce aumento di visibilità e buon posizionamento sui motori di ricerca.  

Il web, un immenso territorio da esplorare. Miliardi di link che come sentieri conducono alla meta desiderata, solo se facile da rintracciare. A tal proposito, i motori di ricerca si impegnano costantemente a indicizzare ed etichettare, con titoli e descrizioni chiare e semplici, le direzioni verso cui proseguire. Si avvalgono di una precisa strategia SEO, che come una bussola orienta l’utente durante il viaggio.

SEO significato nel dettaglio

SEO acronimo di Search Engine Optimization, indica l’insieme di pratiche strategiche volte al posizionamento di siti e pagine web nei risultati organici dei motori di ricerca, in modo da incentivare un graduale aumento di visibilità. L’ottimizzazione SEO è un processo finalizzato ad accrescere il volume di traffico organico verso un sito web dai motori di ricerca o SERP – Search Engine Result Page: i risultati in cima acquisiranno maggiore visibilità e alta probabilità di ricevere click.

Le azioni SEO accompagnano la realizzazione e la strutturazione di contenuti di valore per i motori di ricerca e di facile indicizzazione, con l’obiettivo di conquistare le prime posizioni ed essere immediatamente pescati dagli utenti, dopo aver digitato la parola chiave.

Il procedimento SEO, si suddivide in:

  • ottimizzazione tecnica, consente ai crawler dei motori di ricerca di accedere e indicizzare in modo corretto le pagine del sito;
  • SEO Copywriting, serve a creare contenuti strategici e di valore che rispondano al search intent dell’utente e offrano soluzioni e risposte utili;
  • promozione dei contenuti, permette al visitatore di vivere un’esperienza a 360°, mediante l’inserimento di ulteriori link che determinano l’affidabilità e l’autorevolezza di un contenuto web. I link follow e nofollow rappresentano una sorta di finestra di approfondimento coerente all’argomento trattato.

Inoltre, l’ottimizzazione per i motori di ricerca è condizionata da due coefficienti significativi: SEO on-page e SEO off-page. La prima esercita su fattori interni al sito e interviene: sull’ottimizzazione dei contenuti testuali e visual, del codice HTML della pagina; sulla gestione di link in entrata e in uscita e l’implementazione di ulteriori tecnologie.

La seconda incide su fattori esterni alla pagina, sfruttando tecniche di link building, al fine di migliorare il link popularity di una pagina web e di conseguenza il posizionamento in SERP, incoraggiando l’inboud link.

Le strategie di SEO, si basano per lo più sullo studio dell’algoritmo di Google e dei suoi aggiornamenti periodici, poiché è il motore ricerca più usato al mondo.

La macchina di Google

Obiettivo principale di tutti i motori di ricerca, non solo del signor Google, è offrire ai naviganti del web risultati esaustivi e di qualità. Affrontare questa sfida significa ascoltare e conoscere le persone per poi comprendere cosa effettivamente cercano e perché inseriscono specifiche parole chiave nel toolbar di ricerca.

Il complesso funzionamento si compone di tre fasi:

  1. Scansione o crawling
    Ricorrere a sofisticati software robot di nome crawler o spider, mandati in missione alla scoperta di pagine web e contenuti, successivamente letti e scansionati dallo stesso crawler.
  2. Indicizzazione o indexing
    Durante la scansione Google analizza i contenuti e cataloga le immagini trovate. Subito dopo in base al tema illustrato nella pagina web, memorizza tutto nel suo indice, da cui poter attingere per la ricerca e visualizzazione.
  3. Posizionamento o Ranking
    Nel momento della ricerca, Google sceglie e classifica nel suo indice i contenuti considerando le metriche di rilevanza, ossia la pertinenza dei contenuti e l’attendibilità della fonte; di popolarità, cioè il numero totale di link in entrata. Dopodiché restituisce le informazioni rispettando la domanda e il desiderio dell’utente.

Il posizionamento di un sito o ranking SEO è determinato da 200 segnali, parametri, indicatori raggruppati in nove macro categorie principali, correlate a loro volta ad aree di interesse e intervento specifico:

  • Fattori di posizionamento del Dominio
  • Fattori di ranking della Pagina
  • Fattori di ranking del Sito
  • Fattori di posizionamento di Backlink
  • Fattori legati all’interazione degli Utenti
  • Regole speciali dell’algoritmo di Google
  • Segnali del brand
  • Fattori di webspam on-site
  • Fattori di webspam e penalizzazioni off-site

SEO e SEA, differenze in casa SEM

La grande famiglia che incorpora tutte le azioni di web marketing attraverso i motori di ricerca prende il nome di SEM – Search Engine Marketing. Una strategia SEM completa, integra i risultati di ricerca a pagamento SEA – Search Engine Advertising con i risultati organici per mezzo di tecniche SEO. Viceversa può scegliere di utilizzare solo uno dei due metodi.

La SEO si distacca dalla SEA, perché mentre nel primo caso non ci sono pagamenti diretti al motore di ricerca per comparire tra i risultati, la SEA si effettua mediante la piattaforma di Google Adwords, che consente di creare campagne di link sponsorizzati, contrassegnati come “Annuncio” e visualizzati in prima posizione.

Il metodo di pagamento dei link sponsorizzati è il PPC pay-per-click, ovvero l’inserzionista paga una certa somma ogni volta che un utente clicca sul link.

Nella pianificazione e ridefinizione di progetti web come blog, siti web, portali e siti di e-commerce, è essenziale considerare l’elaborazione di una strategia SEO, in modo da intuire come farsi trovare sul web. Farlo a caso è inutile, affidarsi a web agency esperte di SEO e SEM, è vantaggioso.

 

Segui i nostri social! Siamo su Facebook e LinkedIn.

Per restare aggiornato iscriviti alla nostra newsletter.

Contattaci per una consulenza